sabato 15 dicembre 2012

Rifatte senza glutine: il gateaux di Simonetta e la matematica non è un opinione!



Un tortino di cioccolato dal cuore morbido, è, di per sé, una goduria allo stato puro.
Se poi il tortino l’ha già fatto Simonetta, è una goduria assicurata al 100%.
E sono certa che ognuno di voi l’ha già assaggiato (non quello di Simonetta, obviously). Infatti, se fino a qualche anno fa era una novità assoluta, adesso è facile trovarlo al ristorante, quasi come la panna cotta, il tiramisù e il parfait di mandorle. E se prima era un dolce da ristorante chic, adesso anche in pizzeria è facile trovarlo.
Ovviamente, la sua diffusione non ne diminuisce né la bontà, né il suo valore, anzi…
Eppure, a noi celiaci è precluso il piacere di gustare questo semplice tortino, quando siamo fuori casa…
Ora, io capirei, se il quantitativo di farina usato, fosse alto, ma per 6 tortini sono solo 25 gr, alias 4 grammi di farina glutinosa a tortino… Eppure, quei 4, miserissimi grammi, ce li rendono impossibili da gustare.
E ora vi lascio con una domanda sulla quale riflettere, possono 4 soli miserissimi grammi di farina essere sostituiti con un’altra qualunque farina sena glutine? Possono 4 miserissimi grammi inficiare il risultato di una qualsiasi pietanza?
La risposta, naturalmente, è no.
E allora, io mi chiedo, perché non usare la fecola, ad esempio, così che tutti, compresi i celiaci, possano gustare le stesse pietanze?
Meditate gente, meditate!

Questa ricetta fa parte del progetto delle Rifatte senza Glutine, che ogni mese, il 15, rifanno (o quasi) una ricetta presa da un blog senza glutine, per dimostrare che mangiare bene si può e si deve!
Chi volesse aderire può andare a vedere qui per scoprire quale saranno le prossime ricette che rifaremo!




Tortini al cioccolato dal cuore morbido di Simonetta di Glu.fri
Ingredienti:
   100 gr di cioccolato fondente al 70% di cacao (io Venchi senza glutine)
   2 uova codice 0 o 1
   35 gr di burro
   35 gr di zucchero di canna
   12 gr di farina di riso super sottile (io 25 gr)
   12 gr di fecola di mandioca (io omessa)
   1 bustina di zucchero vanigliato (io homemade, due cucchiaini)
   zucchero a velo*
   pezzetti di cioccolato (io alle nocciole e peperoncino …)

Accendere il forno a 220 gradi. In realtà, siccome il mio forno non solo è solo ventilato, ma è anche super forte ho abbassato la temperatura a 200° C.
Sciogliere il cioccolato con il burro in un pentolino dal fondo spesso a fuoco basso, o a bagnomaria o al microonde (io ho fatto così: 1 minuto potenza 450 per tre volte di seguito).
Sbattere in un mixer le uova con lo zucchero di canna (che io ho prima tritato un po’ per qualche minuto per renderlo più sottile), unire lo zucchero vanigliato. Quando il composto è bianco (bianco per quanto possa esserlo con lo zucchero di canna) e spumoso, unire poco a poco il cioccolato fuso e la farina e mescolare bene.
Imburrare e infarinare (con farina di riso) degli stampini individuali, ma io ho usato degli stampini di silicone (quindi non ho imburrato né, tantomeno, infarinato), distribuire l'impasto fino a 3/4, adagiare i pezzetti di cioccolato sulla superficie e poi coprire con il resto del composto.
Infornare e cuocere in forno caldo a 220 gradi per 8-10 minuti (io forno a 200°, ventilato per 7 minuti).
A questo punto Simonetta li ha serviti con un parfait d'arancia (che farò prestissimo). Io, invece avevo della ricotta frechissima, l’ho zuccherata (il peso della ricotta, metà dello zucchero) e l’ho servita così. Una libidine allo stato puro!

Il prossimo mese vi aspettiamo con il plumcake del buon mattino di Anna!
Non mancate!

P.s. I pargoli ringraziano Simonetta!

A presto
Stefania Oliveri

14 commenti:

  1. Buono! E' uno di quei dolci che fa "la salsetta" quando lo tagli?
    Col cioccolato Venchi poi....
    Buon weekend, :)

    RispondiElimina
  2. Domande logiche quelle che ti poni, quelle che tutte ci poniamo ogni volta che qualcosa ci viene vietato dall'uso di una quantità modestissima di farina sostituibile senza tanti problemi... il fatto è che non c'è la mentalità, io però conto che tutta questa informazione che viaggia anche grazie ai nostri blog alla fine qualcuno raggiunga e sensibilizzi, hai visto mai?

    Sui tuoi tortini e sulla bellezza della foto... ma che lo dico a fare, un brava è niente. Come sempre :)

    Ciao Stefania e... viva le Rifatte ♥

    RispondiElimina
  3. Edith Pilaff: sì è uno di quelli, solo che non esiste la foto, perché prima ce li siamo mangiati e poi ho pensato che valeva la pena far vedere la goccia di cioccolato... :D

    Anna Musolino: si fa quel che si può e si deve fare sempre di più! :*
    P.s. Grazie tesoro, sei troppo carina con me! :***

    Oxana: Sì EVVIVA!!!

    RispondiElimina
  4. hai detto benissimo! prima o poi qualcuno capirà ;-) un abbraccio :-X

    RispondiElimina
  5. Questo tortino è speciale ...... :-)

    RispondiElimina
  6. per fortuna qualcuno si salva...un mio amico cuoco mi ha dato la ricetta e lo fa con fecola e farina di riso ;) gli farò leggere il tuo post cosi si impegna di più.

    RispondiElimina
  7. resto sempre ammirata da questo tortino delizioso, sei stata bravissima. :) Rosalba

    RispondiElimina
  8. saltata connessione spero sia partito ugualmente il commento :)

    RispondiElimina
  9. Sonia: insistendo, insistendo...

    Ilaria : :)

    Simo: Sìììììììì! Evviva il tuo amico!

    Miele e Vaniglia: grazie :9 e come vedi è arrivato anche il primo! :)

    RispondiElimina
  10. Commento, non volevo polemizzare ma poi mi son detta..perchè no? non è polemica è solo uno scambio.. Nessuno dice di non poter usare..ma sarebbe carino conoscere le farine..se non le impariamo a conoscere come potremo mai trovare?
    Si può comunque fare una prova con entrambi le farine..tanto per vederne i risultati... Non è detto non sia infattibile.

    Per il resto vedo questo tortino molto molto simile alla ricetta originale, sicuramente buono.
    Ne ho provato uno proprio ieri, molto simile, ma con grano saraceno..buono anche quello, sicuramente ricorda il sapore dell'originale..ma ne esistono veramente tante varietà.
    un saluto

    RispondiElimina
  11. Complimenti anche a te Stefania per questa versione! Lo ridico: adoro tutte le versioni delle RSG, per il discorso farina glutinosa vs farina non glutinosa ho un pensiero, ma se lo spiego qui non mi basterebbero i caratteri . Buona domenica carissima!

    RispondiElimina
  12. Brava la nostra rifatta stefy...immaginiamo che leccornia quella ricotta dolce!!! baci

    RispondiElimina
  13. Uno dei dolci più goduriosi che io conosca. Poi se pure senza glutine.....Baci, baci,baci!

    RispondiElimina

Dimmi la tua...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails