martedì 15 gennaio 2013

Rifatte senza glutine: il plumcake di Anna


L'ultima moda dei ragazzi, è quella di indossare le magliette a maniche corte anche di inverno. Così, all'interno della mia classe, dove con 15 gradi esterni, si raggiungono temperature da -2, tutti i miei alunni stanno a maniche corte, ma con un bellissimo sciarpone al collo. La spiegazione ufficiale è che sentono caldo, neanche fossero in menopausa. La verità, invece, è che devono mettere in mostra i loro bei bicipiti.
Ovviamente, non fa eccezione il pargolo n.1, che, indossa solo le magliette a maniche corte e se proprio si vuole coprire, aggiunge un gilet, con cappuccio, due misure più piccole. 
"Fa caldo" continua a dirmi mentre io e i suoi fratelli indossiamo maglioni di lana e felpe.
"E la tosse che non ti lascia?" rintuzzo.
"Che c'entra..." è l'unica risposta che riesce a darmi, anche perché, immagino, che anche i suoi neuroni stiano morendo dal freddo o siano addirittura ibernati per fornire una risposta logica (sempre che ce li abbia...)


Passiamo alla ricetta di oggi. Proviene direttamente dal blog di Anna "Un po' di briciole in cucina". 
E' un plumcake ottimo per la prima colazione, da inzuppare in una bella tazza di latte fumante. Io ho seguito esattamente la sua ricetta, senza cambiare una virgola (almeno una volta ci sono riuscita!) e fa parte del nostro progetto mensile legato alla Rifatte senza glutine. Un'iniziativa volta a sensibilizzare maggiormente, chi celiaco non è, verso una conoscenza più approfondita della dieta senza glutine, ma soprattutto per dimostrare che senza glutine, non vuol dire senza gusto... Come lo dimostrano tutte le ricette finora realizzate.
Se volete partecipare, il prossimo mese, basterà realizzare questa ricetta e postarla il 15 febbraio alle ore 9. Tutte insieme!

Al 15, allora!

PLUMCAKE di Anna
250g di farina per dolci l'Altro Gusto, in mancanza si può usare il Mix Di Farine Senza Glutine Per Impasti Lievitati
90g di burro
80g di zucchero
150ml di latte
1/2 bustina di lievito per dolci
2 uova
1 pizzico di sale (unica omissione)
Separate gli albumi dai tuorli e montate i primi a neve ferma.
In una ciotola mettete la farina, i tuorli, lo zucchero, il burro e lievito sciolto nel latte tiepido. Amalgamate tutto, fino a che l'impasto è diventato omogeneo. Aggiungetegli albumi all'impasto, delicatamente e mescolando dall'alto verso il basso.
Versate in uno stampo da plumcake e poi in forno già caldo a 180°c per 30 minuti circa. Sfornate e lasciate raffreddare.
Plumcake solo da prima colazione.

A presto
Stefania Oliveri

19 commenti:

  1. idem... per il pargolo!! ;)
    è il momento di mettersi in mostra.. ma vabbè!! ci piacciono proprio per questo ^_^
    ti è venuto benissimo STe!!
    mi fa piacere un ^.^

    RispondiElimina
  2. anche mio figlio sta sempre in maglietta. solo che ha nove anni.
    e ha davvero caldo. ti dico solo che l'altro giorno è andato a scuola in fruit e grembiule. senza felpa, senza golf, senza giubbotto. e mica stiamo a palermo, noi!
    ...
    ...
    ...
    ovviamente complice un marito che non si è accorto di nulla... :-)

    bello il tuo plumcake tutto innevato!

    RispondiElimina
  3. ciao, bellissimo il tuo plumcake, ti seguo

    RispondiElimina
  4. Ah ah ah! Con la storia dei neuroni del tuo pargolo n°1 mi hai fatto morire dal ridere! Dovrò ricordarmelo ...

    RispondiElimina
  5. Che pazienza che ce vo'!
    Consoliamoci con una fetta di dolce :)

    RispondiElimina
  6. :-D Quella dei bicipiti è purtroppo una moda che regge anche per qualche "esemplare" sopra i 20 anni ;-) Ma con un dolce così bello, si può sempre far rifornimento di calorie. Buona giornata, Alessia

    RispondiElimina
  7. Ah ah Stefy, i tuoi racconti sono sempre troppo spassosi per non soffermarsi a leggermi ! Anche mio figlio è un tipo caliente...lui starebbe tutto l'anno a maniche corte ! Bellissimo il tuo plumcake,un bacione !

    RispondiElimina
  8. Mi hai fatta morire dal ridere!!! Immagino la tua faccia quando il pargolo ti sisponde "Non c'entra"!!! ah ah ah! Povera la mia Ste :)!
    Questo plumcake mi ispira, ma non mi sembri troppo convinta, o sbaglio?!?! Io adoro le torte da colazione...provo a farlo?!?!
    Ti abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
  9. Simpatici i tuoi racconti sulla prole, in effetti a guardarsi in giro ne vedi tanti di ragazzi vestiti in maniera assai leggera per la stagione, anche qui da noi che siamo comunque poco sopra lo zero da qualche giorno. Bellissime le tue foto as usual, ciao

    RispondiElimina
  10. concordo con il discorso che hai fatto sulla moda!come quando avevo io 15 anni che si usavano i jeans sotto il pube!
    Che bello questo plumcake senza glutine!

    RispondiElimina
  11. Brava stefy...a presto con le rifatte...ah non fare la mamma "rintuzzona"...baci le spuntine ;-)

    RispondiElimina
  12. Che tenerezza mi fanno questi ometti in erba!Hehe, si beccano i malanni pur di esser fighi, che tipi!
    Beh, pensa allora che qui a Milano, dove le temperature sono attorno ai 5°, vedi sempre ste ragazzie con microgiubbini e panza de fuori, e gli stessi ragazzi in maniche corte e gilet?!Ora, io non mi bardo tipo befana ma, panza sempre coperta e manica lunga in inverno!hahaha
    Colpa della magia della salute inculcata da bambina accidenti!
    Beh, una fetta di plumcake potrebbe riscaldare però, che dici?!
    Bacioneee

    RispondiElimina
  13. la mia gira senza calze e con le scarpe di tela. A genova. L'ultima motivazione che mi ha dato è che la lavatrice le fa spaia i calzini. Il mio sistema nervoso preferisce il neurone congelato del pargolo numero 1...

    RispondiElimina
  14. oddio, secondo te posso far saltare alla mia la fase adolescenziale?
    Ma è una moda anche delle donzelle?
    Vabbè, mi coccolo con questo plum cake e penso al pargolo 1 con il gilet 2 taglie più piccole hihihi

    RispondiElimina
  15. ...cercherò di ricordarlo...mi piacerebbe partecipare...le storie sui figli adolescenti mi fanno morir dal ridere...temo molto il momento in cui toccherà a me! baci cristiana

    RispondiElimina
  16. Mi sa che si fermeranno soltanto quando stanno malati stì ragazzi... ma forse neppure. Per fortuna noi non siamo ancora a questa bell'età da gestire... ma tremo al pensiero...

    Bel plumcake, dopo chiacchierate simili, serve una buona coccola al mattino :D
    ciao Jè

    RispondiElimina
  17. Delizioso questo plumcake,passo subito il tuo post anche alla mia carissima amica, che e' alla ricerca disperata di ricette gluten free.un abbraccio

    RispondiElimina

Dimmi la tua...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails