martedì 5 febbraio 2013

Red velvet cake per la mia prima vittoria all'MTC


Mi sono ripresa? Non del tutto! Ma dopo 30 edizioni, non ci speravo più! E' inutile dire che in realtà non volevo vincere ed era tutta una farsa... Io volevo vincere e volevo vincere a tutti costi. Ma volevo vincere soprattutto con me stessa! E sfida dopo sfida, la mia personale vittoria la ottenevo. Ma certo, il riconoscimento da parte di tre giudici intransigenti, e la vittoria su ben 188 altre ricette di altissima qualità, non possono che rendermi felice e soddisfatta. Ma come in tutte le cose, ti capita di vincere proprio quando meno te lo aspetti. E non perché la mia ricetta non mi fosse piaciuta, anzi! Ma perché proprio non ci speravo più. La qualità delle ricette in gara cresce in maniera esponenziale e io, stavolta, avevo avuto poco tempo, solo quello di fare una ricetta. Per questo ringrazio le signore dell'MTC e soprattutto Patty, altra grandissima donna, per aver premiato questa ricetta che ha il solo merito di essere stata fatta col cuore. Cuore che è stato visto da loro e apprezzato.
Dopo i dovuti ringraziamenti a queste tre straordinarie big (e diciamolo, sono straordinarie, perché finalmente hanno riconosciuto il merito! :D), parliamo della ricetta del mese di febbraio. Anche se prima devo sottolineare una cosa. Avrei potuto vincere uno qualsiasi degli altri mesi, quando di giorni ce ne sono 30, se va male. Avrei perfino potuto vincere in un mese in cui l'MTC si ferma, per avere un po' più di tempo per preparare la ricetta, quando il vincitore viene definito il culacchion MTC. E invece, quando vado a vincere??? E indovinate come è stato definito il vincitore di questo mese? Sfighetton! Insomma un po' come vincere il super Enalotto con un monte premi da fame... Ma accontentiamoci... per adesso! 
Avrei, per questo, potuto vendicarmi. E proporre una ricetta bastardissima. Una di quelle che, se proprio  non sei celiaca da 10 anni e non provi a fare lievitati da 20, non ci si riesce...
Ma io sono  troppo buona inside e quindi vi proporrò una ricetta abbastanza semplice, una ricetta del cuore, perché se è vero che febbraio è il mese più corto, è anche il mese del trionfo dell'amore e con questa ricetta potrete farne delle belle! 
Paradossalmente, io sicula doc, non vi propongo una ricetta nostra. Ecco, non perché non volessi... Ma la mia prima scelta, quando all'inizio avevo sogni di gloria, l'ho pubblicata a suo tempo e poi me l'ha soffiata la meravigliosa Roberta di Pupaccena, che mi ha fatto fare delle arancine con cui ho vinto il primo premio fotografico (wow!). La seconda che avevo proposto, era troppo bastardissima e non ve la dico nemmeno. La terza, invece, è quella che io considero la regina dei dolci, Sua Maestà la Cassata. Ma essendo Sua Maestà, non volevo denaturarla. E allora perché non un dolce oltre manica? Uno, di quel paese di cui la tradizione culinaria è tanto bistrattata, ma che, secondo me, regala delle pietanze squisite? Ecco, perché ho scelto la Red Velvet Cake. Anche perché se la denaturate, e la rendete più vicina ai nostri gusti, a me non fa che piacere! Lei, mica, è Sua Maestà!



Detto questo, adesso, passo alle note un po' più serie e poi alla ricetta, che è solo un po' lunga, ma è abbastanza semplice. 
Quando si cucina senza glutine è come cucinare kosher. Ci sono tante regole da rispettare e tanti accorgimenti da prendere. Ma qui non è lo spirito a soffrirne, ma il corpo. Tante volte i celiaci sembrano esagerati e talebani nelle loro affermazioni, ma vi assicuro che la contaminazione fa malissimo ad ognuno di noi, con conseguenze immediate di malesseri vari che vanno da fastidiosi, ma non gravi, mal di pancia, all'intossicazione alimentare, alla gastroesofagite (come l'ho avuta io, questa estate, per cui per tre mesi sono stata malissimo ogni giorno) a ricoveri per cose ancora più gravi. Dico questo non per spaventarvi, ma per farvi rendere conto che l'esagerazione che si pensa si abbia nel non contaminarsi è dettata da uno stato di malessere talmente grave, da pregiudicare anche una semplice uscita con gli amici.
Purtroppo il glutine è contenuto in alimenti insospettabili e se la normativa obbligasse tutti a mettere una bella spiga sbarrata su tutti i cibi che non lo contengono, la vita sarebbe più semplice per tutti. A tutt'oggi, questo obbligo non c'è, ma spesso volontariamente sulle confezioni si trova scritto se quell'alimento può contenere tracce di glutine. Quindi caccia alle etichette scritte bene. Quelle straniere, neanche a dirlo, sono scritte benissimo e indicano sempre se il prodotto potrebbe "contenere tracce di glutine" oppure no. Quelle italiane sono meno precise e lasciano nel limbo chi deve acquistare. Per questo esiste un'associazione (l'AIC) che si occupa di redigere un prontuario con tutti i prodotti consentiti. Ahimè, anche se si trova online, anche questo è parziale, in quanto le ditte produttrici devono pagare per essere in quel librettino, e siccome nel mercato vanno alla grande, non gli importa di una piccola fetta composta da celiaci.
I coloranti, ad esempio sono un alimento a rischio. Incredibile, ma vero. Ecco perché io spesso indico la marca che utilizzo per un dato prodotto. Anche il cacao e il cioccolato sono a rischio, così come creme già pronte, sughi, salse, liquori e perfino la salsa di soya. Ma la cosa grave è che anche le stesse farine naturalmente senza glutine (come fecola, farina di riso, maizena, farina di miglio, di quinoa, ecc.) possono essere contaminate, perché prodotte in stabilimenti che trattano anche cereali col glutine.
Con questo non vi voglio indurre a cucinare "veramente" senza glutine (nell'approfondimento vi dirò quali sono le regole auree per cucinare veramente senza glutine), se non avete un celiaco a cena, ma a prestare attenzione a queste cose e ad indicare nella vostra ricetta quali sono gli alimenti a rischio per noi, in maniera tale da dare una corretta informazione a chi leggerà il vostro post.
Detto questo, che era per me importante sottolineare, voglio raccomandarvi di preparare tantissime red velvet cake, ma se lo fate per un celiaco state attentissimi a cosa usate, perché un alimento insospettabile, potrebbe compromettere tutto.
Ultima precisazione, e poi prometto passo alla ricetta. Come ho già detto per i pici, non tutte le farine sono uguali. E soprattutto non danno lo stesso risultato. Una farina di riso a grana grossa, non vi garantirà il risultato buono e soffice di una farina di riso sottilissima tipo amido. Inoltre i mix di farine servono a garantire la giusta dose di sofficità, e il giusto equilibrio per farvi esclamare: "è uguale a quella col glutine!" In caso contrario, esattamente come asserisce Fiona Cairns nel suo libro "Torte di compleanno", il risultato non è garantito. E non dite che non ve lo avevo detto!

E dopo tutte queste "piccole" precisazioni, stremate, siamo arrivate alla ricetta!


Red Velvet Cake
160 gr di farina di riso sottilissima tipo amido (Le Farine Magiche Lo Conte, Pedon, Rebecchi)
60 gr di fecola (Cleca, Pedon, La Dolciaria, Sma & Auchan)
30 gr di farina di tapioca (che potete sostituire con Maizena)
1/2 cucchiaino da tè di sale
8 gr cacao amaro (Venchi, Easyglut, Pedon, Olandese
110 gr burro non salato a temperatura ambiente
300 gr di zucchero
3 uova medie (io uso quelle bio codice 0, ma non è rilevante ai fini della celiachia)
1 cucchiaino da caffè di estratto vaniglia bourbon (o i semi di una bacca, ma non usate la vanillina)
240 ml di buttermilk (ma se non lo trovate, fate inacidire per 20 minuti la stessa quantità di latte con un cucchiaio di limone)
1 cucchiaio di colorante rosso (Rebecchi e Loconte)
1 cucchiaio di aceto bianco
1 cucchiaino da tè di bicarbonato di sodio
Pre-riscaldate il forno a 175°C.
In un recipiente mescolate le farine, il sale, il cacao. In un altro recipiente, sbattete il burro per 2-3 minuti, finché sarà soffice e poi aggiungete lo zucchero e sbattete per altri 3 minuti.
Aggiungete le uova, una alla volta, sbattendo 30 secondi dopo ogni aggiunta.
Mescolate il colorante al buttermilk e quindi versate poco per volta al composto di burro, alternando le polveri al buttermilk. Possibilmente iniziate e finite con la farina. Aggiungete anche la vaniglia e mescolate.
In una tazzina (capiente) mescolate il bicarbonato all’aceto bianco, facendo attenzione a versarlo subito nell'impasto (altrimenti ve lo troverete per tutta la cucina) e incorporatelo bene con una spatola.
Imburrate due teglie da 18/20 cm e spolverizzate con farina di riso. Fate cuocere per 40/45 minuti, o finché non vedete che è cotto (con il trucchetto dello stuzzicadenti!)
Lasciate raffreddare la torta dentro la teglia (potete usarne anche una in silicone, ma è meglio usare la  carta forno per evitare contaminazioni) per 10 minuti. Poi toglietela dalla teglia e lasciatela raffreddare, quindi fasciatela nella pellicola trasparente. Fatela riposare in frigo per diverse ore (io l'ho lasciata tutta la notte). In questa maniera sarà più facile da tagliare senza che si sbricioli e sarà più semplice mettere la farcitura. Non spaventatevi se vi sembra troppo dura, perché a temperatura ambiente tornerà morbidissima.
Questa è la ricetta base, a questa si possono aggiungere infiniti sapori. Si può conservare in frigo in un contenitore ermetico e riutilizzare quando se ne ha bisogno.


Io ho farcito con la classica 
Butter cheesecream
Ingredienti:
220 gr - formaggio cremoso tipo Philadelphia (cioè una confezione grande)
120 gr - burro morbido
140 gr - zucchero a velo (Eridania, Pedon, La Dolciaria, Sma&Auchan, Cannamela, Arpa)
1 cucchiaino di scorza di limone bio grattugiata

lamponi surgelati (ma freschi è meglio!)
codette rosa e cuoricini (Lo Conte)
Procedimento:
Sbattete bene il burro finché è cremoso. Quindi unite lo zucchero, la scorza del limone e il formaggio e sbattete per almeno 5 minuti. A questo punto potete farcire la torta. Se vi sembra troppo morbida, potete lasciarla riposare un po' in frigo e il burro la farà compattare di nuovo. La crema va conservata in frigo, anche se a temperatura ambiente non si scioglie.
Questa è una torta abbastanza umida che non ha bisogno di essere bagnata per essere farcita, quindi si presta splendidamente alle torte in pasta di zucchero. Ma se lo scopo vostro, non è rivestirle, potete bagnare un po' gli strati, per renderla più simile al sapore delle nostre torte.
A questo punto, farcite la torta, senza bisogno di bagnarla, io ho farcito anche con dei lamponi a pezzi, sia messi nella crema che in ogni strato interno e poi ho coperto il tutto con la crema. 

Quindi con tanta pazienza, lanciando le codeste verso la torta, cercate di appiccicarle ai bordi della torta. Spargete anche sopra e decorate con i cuoricini (per il vostro Valentino) e un lampone al centro.

Servitela però a temperatura ambiente, perché è molto più buona e dura anche tre giorni se la conservate in frigorifero.

Adesso non vi resta che provare la vostra personale variante!

A presto
Stefania Oliveri

89 commenti:

  1. Mi farai morire...bellissima e bravissima!

    RispondiElimina
  2. SI SI SI SI SIIIII
    BELLA E BUONISISMISSIMA :)

    RispondiElimina
  3. Brava Stefania, non sai quanto ti adoro!!
    come ho già detto dillà...stavo giusto pensando a cimentarmi con la Red Velvet cake in questi giorni, per sabato devo preparare un dolce per il compleanno di una cara amica e giravo intorno a questa qui!!!
    e sei arrivata tu!!
    incredibile!
    e allora Red Velvet Cake sia!!!
    oh...ovviamente avrei già dei questiti ma ... aspetto il filo diretto ed eventuali altre domande simili.. ;)
    Iloveyou!!! <3

    RispondiElimina
  4. Lo posso dire??? MI PIACEEEEEEEEE

    RispondiElimina
  5. Chi riuscirà a fare almeno 9 varianti sarà costretto ad una dieta marzolina.....te possino.... Costrette pure a festeggiare San valentino....
    Cmq grazie perchè non l'ho mai assaggiata e anche questa volta sarà una bella sfida.

    RispondiElimina
  6. come "la mia prima vittoria"????
    ti stai già preparando alle lamentazione perché "ho vinto l'MTC una volta sola e c'è chi ha vinto due volte!"? :-D

    comunque te lo dico, sei stata troppo buona!!!!

    scherzi a parte, torta bellissima, faremo del nostro meglio. blu non l'ho mai fatta, mi sa che proverò

    RispondiElimina
  7. Proposta inaspettata!
    MI sono lambiccata con gli indizi dell'MTC ieri e credevo fosse una Cassata!
    Mai avrei pensato a una red velvet... di sicuro è una bella sfida, concede spazio alla creatività,soprattutto per decorare la torta.
    Buona giornata e ancora complimenti!
    Laura

    RispondiElimina
  8. la red velvet è uno spettacolo e un ovation assicurata, se poi ti fà vincere un contest ancora meglio!
    complimentissimi! io l'ho fatta per Natale vestendola a festa, ma usando farina normale!
    un bacione e ancora complimentissimi

    RispondiElimina
  9. ok, mi hai convinta! la faccio!!!:-)

    RispondiElimina
  10. Adesso ci divertiamo! Mi sa che dovrò comprarmi le scarpe adatte! :)
    Stupenda ricetta, mi piace di più la variazione gluten free che quella normale!
    Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  11. mi piace tantissimo!!!!
    non ho un valentino, ma sono una Valentina, perciò la farò tutta per me: da me per me! va bene lo stesso?
    :D

    RispondiElimina
  12. Bellissima ricetta! Io ovviamente sono felicissima.
    Ed è inutile che dica che qui ci sono scaffali e scaffali dedicati alla cucina senza glutine, con prezzi assolutamente ragionevoli, nei supermercati.
    Grazie cara per le spiegazioni sempre precise ed esaurienti sull'argomento e ancora complimenti per la vittoria!

    RispondiElimina
  13. Cavolo che sfida!!! Sono un po' spaventata ma mi sono avvicinata piano piano al mondo senza glutine perché un amico e' intollerante ma non celiaco per cui mi piace imparare ancora!!!!!

    RispondiElimina
  14. e ti pare che manco...alla sfida ma non se ne parla..presente signora mia ^.^

    RispondiElimina
  15. Stefania sono senza fiato!
    La foto e la torta sono strepitose (anch'io lo sono me lo dice mio figlio!) e mettono una gioia di vivere che non si può spiegare.
    L'introduzione è brillante e divertente, di quelle che solo tu e poche altre sapete cucire :)
    Le spiegazioni e la descrizione del vivere senza glutine sono emozionanti per me che sono sulla tua stessa braca.
    Fosse che questa volta partecipo anch'io a questa misteriosa sfida?
    Ti contatterò personalmente per ulteriori delucidazioni signorina ;)
    BRAVISSIMA!

    RispondiElimina
  16. non so quanti commenti ho lasciato :-p

    RispondiElimina
  17. Ti dico solo che sono contentissimo!
    La volevo provare da tempo ed ora sarò accontentato.
    Ottima scelta ;-)
    Fabio

    RispondiElimina
  18. davvero fantastica...e mi sa che per questo MTC ci sarò!!! :)

    RispondiElimina
  19. Grazie Stefania, mi dai un'ottima occasione per provare questa torta che non ho mai fatto! Con buona pace della dieta del marito... Ma chi se ne frega, 'sto mese fa pure 40 anni, gliela sforno a tradimento!!! ;-)

    RispondiElimina
  20. Brava Stefaniaaa!!! La tua red velvet è stupenda!! Adesso però sono assalita da un'ansia incredibile!

    RispondiElimina
  21. Stefania, grazie per aver scelto una ricetta non troppo complicata!
    Come ho spiegato anche di là, nutro un odio profondo per gli impasti e le farce dichiaratamente colorati, e poiché il Signore ha voluto che io e il mio Valentino ci trovassimo d'accordo anche su questo, è probabile che, dopo averla preparata, dovrò trovarmi un beneficiario più degno di una (spero) così bella torta!
    Avrei un paio di domandine, ma per quelle ci aggiorniamo nell'angolo del filo diretto!
    Schizzinosità tutta mia a parte, è davvero una Signora ricetta! Grazie e buon lavoro... sono certa che ne vedrai di belle!

    RispondiElimina
  22. complimenti bella Stefania. E che bella ricetta hai scelto, la adoro! La tua è un sogno, perfetta e nuova, un binomio raro. baci e bravissima.

    RispondiElimina
  23. E' stupenda, e la scelta davvero bella!

    Purtroppo sono in partenza e non faccio in tempo a partecipare, mi spiace tanto :-( anche perchè avrei potuto sfoggiare i miei tacchi 14cm!!! :-(

    RispondiElimina
  24. Grazie mille per la scelta, per permetterci d'approfondire la cucina gluten-free.
    In casa apprezzeranno molto, visto che si lamentano che torte con creme ne faccio poche ;-)
    un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  25. ecco, all'ingrasso!!!! Evvai che tanto è San Valentino, grazie Stefy sei stata veramente buona, ce lo meritavamo???? noi sì! Le giudici che ti fanno vincere lo sfighetton meno... ma mica gareggiano loro no? Ho qualche domanda, ma vado al filo diretto che magari poi servono anche a qualcun altro. baciiii

    RispondiElimina
  26. DOvresti vincere ogni Mese Ste, per la tua competenza ed il tuyo impegno!
    Bacione

    RispondiElimina
  27. ciao cara...che dire, ci provo..anche se per i dolci non ho una gran fantasia.
    vedremo.
    tu, in ogni caso sei di una bravura magistrale.
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  28. Complimenti per la vittoria, del resto immancabile con una torta così bella. Bravissimissima!

    RispondiElimina
  29. Ciao Stefania, piacere di conoscerti, cioè, ti conoscevo già ma mi sa che non ci siamo mai incontrate ;) Che dire di questa scelta? Mi piace un sacco :)))
    Stavo dicendo alle nostre amiche di là che come prima cosa mi sono messa a contare gli strati di questa tua bontà e quasi mi sono sentita male ;) poi ho visto che ne bastano anche solo due e mi sono ripresa.
    Fantastica occasione per provare qualcosa per me di totalmente inconsueto, soprattutto per quanto riguarda il discorso gluten free, che certamente mi insegnerà parecchie cose.
    A presto!

    RispondiElimina
  30. Brava Stefania !!
    Sapevo che sarebbe stata un ricetta relativamente semplice. La missione si sta compiendo: far mangiare bene tutti senza glutine !!

    RispondiElimina
  31. Complimenti è uno spettacolo!!!!! eh si che ci metti il cuore sei bravissima!!!! Buona giornata

    RispondiElimina
  32. Che bel blog :) sonoo davvero appetitosi i tuoi piatti :) un bacio Baci di zucchero

    RispondiElimina
  33. WOW! Adoro!!! La farina di riso celo... adesso vado a cercare tutti gli altri ingredienti 'permessi'. Un abbraccio, Sarah

    RispondiElimina
  34. che era una ricetta gluten free me l'aspettavo, quello che non mi aspettavo era un dolce. e CHE DOLCE!! grazie grazie per averla proposta e non vedo l'ora di provarla, almeno a cena con la mia amica "semi" celiaca come dolce non ci sarà sempre e solo la solita caprese -.-" ihihih :) vediamo cosa riesco a preparare! Buona giornata Serena!

    RispondiElimina
  35. innanzi tutto tantissimi complimenti per la vittoria e tanti complimenti anche per come affronti la celichia, non dev'essere per niente facile!! la ricetta mi piace tantissimo poi sono una golosona, vorrei sapere come faccio a riconoscere una farina di riso sottilissima, perchè io ne ho già, biologica e ho visto che anche sulle confezioni delle marche che hai citato, non c'è scritto. grazie mille ciao

    RispondiElimina
  36. Grazie Stefania!!

    RispondiElimina
  37. Grazie a tutte per i vostri commenti!

    Gaia: e certo che voglio vincere di nuovo! :D

    Araba felice: noooo :(

    Tiziana M:se al tatto ti sembra come quella 00 (o quasi) è quella super sottile, altrimenti avrai la sensazione di toccare polenta :)

    RispondiElimina
  38. non ci crederai ma sto per infornare la prima torta... approfitto del compleanno di mio figlio....

    RispondiElimina
  39. Stefania carissima, ancora congratulazioni e grazie perché stai facendo crescere la consapevolezza di che cosa significhi cucinare gluten-free: non c'è nulla di meglio della condivisione pratica di un problema per capire, almeno in parte, tutto quello che si cela dietro la vita di chi come te non ha scelta.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  40. Stefania complimentiiiiiii per la tua super vittoria :-) i e poi la sfida che ci lanci mi piace parecchio: una torta per me sconosciuta la red velvet cake ma il bello dell'MTC e' proprio questo no?
    Un baciotto ila

    RispondiElimina
  41. tutta contenta quando ho letto la red velvet...ora che ho approcciato la ricetta mi sa tanto che c'è da rimboccarsi le maniche...notte cri

    RispondiElimina
  42. finalmente un dolce! ma il difficile sarà farsi notare, bella sfida :-D

    RispondiElimina
  43. ecchimeeeee.... ellosapevo che non sarebbe stata sicula stavolta!
    Mi piace un sacco! Non l'ho mai fatta ma è nella mia lista da un bel po', quindi urrà!!!
    E poi mi piace molto il tema, la sfida nella sfida e lo spirito della scelta.
    Purtroppo come tanti che non vivono il problema direttamente ho la memoria corta, ma spero che la tua red velvet sia l'occasione per imparare e per non dimenticare che sglutinato e buono e bello è possibile.

    :***
    roberta

    ps. insomma, l'arancina in qualche modo ci entrò nella storia della tua prima vittoria mtc! ;) :*

    RispondiElimina
  44. Tesorina bella, e Grande Donna, commento per dirti che ti penso spesso in questi giorni di dieta.
    Tante volte ti ho detto che pur non essendo celiaca in passato ho attraversato una sorte simile, e ho vissuto un lungo periodo senza glutine.
    Ora, "non avendo resistito al richiamo del frumento" (e per qualche altra complicazione) sono dovuta correre di nuovo ai ripari.
    Stavolta -di peggio- mi segue la troupe di Hitler al gran completo, e se non avessi ben chiaro in mente il tuo esempio, quello di una che non si scoraggia davanti alle proibizioni ma si dà da fare per cucinare e mangiare di gusto, forse mi sarei scoraggiata.
    Quindi grazie.
    Non so se parteciperò a questa sfida (mi tenta, ma non potrei mangiare il dolce), ma il ringraziamento ti è dovuto.
    Non avevo ancora trovato modo di dirtelo, quindi ne approfitto qui.
    E forse, chi lo sa, uso questa red velvet per colorare di rosso il mio (Suo) san valentino.
    Baci.

    RispondiElimina
  45. Questo mese avevo già avvertito tutti: niente San Valentino, niente carnevale la mamma/moglie si mette per la prima volta a dieta. Quindi shhhh non parlatele di cioccolato ok?
    .....
    Ieri sera a cena annuncio ufficiale: testa bassa, occhi nel piatto (io) 3 paia di occhi che mi fissavano con insistenza.
    "Ho un annuncio da farvi. Mi spiace, ma questo mese la sfida dell'MTChallange è....una red velvet cake"
    "....sarebbe a dire?"
    "Una torta al cioccolato colorata di rosso"
    "Evvai batti 5 sorella"
    La curva sud ha fatto una hola e la piccola di casa ha aggiunto
    "Non ti preoccupare mamma tu puoi fare a meno di assaggiarla te lo diremo noi se è buona".
    O.O

    RispondiElimina
  46. Come dicevo dalle pazze dell'MTC, l'idea è favolosa ... ma per me è una vera sfidona nella sfidona!
    Non ho mai fatto questa torta e meno che meno gluten free.
    Diverse marche che hai indicato purtroppo non le conosco e dovrei trovare qualcosa di alternativo .. devo quindi iniziare a metterci un pò la testa.
    Mi butto a guardare il filo diretto in cerca di qualche chiarimento in più.
    Baciooo

    RispondiElimina
  47. Complimenti! Sia per la vittoria che per la scelta del nuovo MTC!

    RispondiElimina
  48. intanto cmplimenti per la vittoria, in questa sfida che trova coinvolte sempre più persone!
    Poi... la red velvet... come non essere innamorati di questa torta rosso fuoco (anche se devo dire che la Regina Cassata è sempre la regina Cassata!)?
    Hai fatto benissimo a specificare tutto per bene per quel che riguarda i prodotti per celiaci; chi non è coinvolto in prima persona rischia spesso errori grossolani per la poca esperienza e se si invita un celiaco a cena ciò può diventare un grosso problema.
    Naturalmente la tua velvet è da urlo, ma che te lo dico a fare?

    RispondiElimina
  49. Complimenti per questa meritata vittoria! sono contenta che grazie all'MTC al quale mi sono aggregata all'inizio di questo nuovo anno, possa conoscere blogger fantastiche come te! :)
    a presto
    ah dimenticavo EVVIVA LA RED VELVET!!!

    RispondiElimina
  50. Caspita, qui si cade dalla padella alla brace, con una torta davvero impegnativa!! Vedremo cosa riuscirò a combinare :)

    RispondiElimina
  51. ciao Stefy! GRAZIE per questa splendida opportunità che con la red velvet ci offri, io l'ho fatta una sola volta (non gluten-free ovviamente) e l'ho amata da subito quindi accolgo a braccia aperte la tua sfida per gli ingredienti specifici, ma soprattutto per quel blu che aspetta le mie fantasie pindariche :))
    Un abbraccio a prestissimo

    RispondiElimina
  52. azzzz..è dura per me la velvet...impedita nei dolci!...però la tua è la perfezione caspita!bacione

    RispondiElimina
  53. Stefania!!! solo ora riesco a passare e ti faccio i miei complimentissimi per la vincita, finalmente :)))
    e poi questa torta...mamma mia, stupenda. Sono un po' impaurita perché io non sono donna da torte ma piuttosto da piccoli dessert e magari cremosi ma...mi impegnerò!
    un bacione cara, goditi il tuo mese ;)
    Vale

    RispondiElimina
  54. Mi piace cambiare le tradizioni, trasformare il pregiudizio degli altri in nuove convinzioni...sono sicura che preparare la red velvet gluten-free, sarà una buona occasione per aprire nuovi orizzonti culinari ai palati tradizionalisti! l'unica cosa a frenarmi finora dal preparare la red velvet è l'utilizzo del colorante..ma sono contenta che tu l'abbia proposta, così non solo mi cimenterò con questa preparazione..ma mi sono pure tolta dal dubbio su cosa preparare per s.valentino! e ora...all'opera!!!

    RispondiElimina
  55. Stefania, sono molto felice della tua vittoria e amo molto questo dolce. Io però sono un'allergia con adrenalina al seguito e se comprendo bene cosa significa sgarrare per voi celiaci, è penso ancora più dura per noi allergici non tutelatinda nessuna associazione, in balia di noi stessi, senza nessun prodotto ad hoc...la mia allergia, alla lipid transfer protein (di cui puoi leggere qui http://www.ariaincucina.com/2011/08/la-mia-allergia.html) da sintomi diversi ad alimenti diversi in ogni allergico. da un momento all'altro alcuni alimenti potrebbero darmi problemi. Io mangio il riso, ma la farina di riso non la tollero. Idem per le patate: inpiegabilmente le mangio senza aver sintomi ma la fecola mi fa venire strani sintomi. insomma, faccio davvero fatica questa volta a partecipare, anche se cerco sempre di farlo, utilizzando la farina di kamut al posto del grano, che comunque tollero più de riso. come fare? sono molto dispiaciuta ma la vedo dura. anche il limone per me è out. penso mi tocchi saltare o probabilmente partecipare senza assaggiare (è già successo altre volte!) magari faccio così. intanto i miei complimenti, anche le foto sono splendide. un abbraccio, Aria

    RispondiElimina
  56. buongiornoooooooooooooo!!!http://www.sosidolcesalato.com/2013/02/red-velvet-gluten-free-4-mani.html

    RispondiElimina
  57. Ciao bellezza, questa è la mia prima versione!!!!

    RispondiElimina
  58. Ecco la mia....peccato che ho sbagliato con le teglie!:P
    ma grazie ancora per la ricetta
    ^_^
    http://www.cappuccinoecornetto.com/2013/02/red-velvet-gluten-free.html

    RispondiElimina
  59. Lo sappiamo che arriviamo sempre negli ultimi giorni, invece stavolta arriviamo addirittura un giorno prima rispetto all'inizio solito della gara. Il perché lo sai, ma te lo ricordiamo, perché ti vogliamo bene. Noi ci stiamo ancora leccando i baffi e ti ringraziamo per averci fatto scoprire questa ottima ricetta e che anche senza glutine si può e si deve mangiare bene. Grazie, di cuore.
    Questo è ciò che ci siamo spazzolati fino ad ora, ma è solo l'inizio...
    http://assaggidiviaggio.blogspot.it/2013/02/mtchallenge-di-febbraio-red-velvet.html
    Anna Luisa e Fabio

    RispondiElimina
  60. Ciao Stefania, la Red Velvet è bellissima e non vedo l'ora di provarla :-) Non potevo cominciare l'MTC con una ricetta migliore!

    RispondiElimina
  61. che meraviglia! la farò per la mia amica!

    RispondiElimina
  62. Cara Stefania,
    non so se il mio contributo ti è sfuggito (o se hai giustamente scelto di cancellarlo per sempre dalla tua memoria!), ma sono ansiosa di avere una TUA tirata di orecchie per la mia indegna Blue Velvet!
    Scherzi a parte, tengo a sapere se, nonostante i miei limiti, hai apprezzato il risultato e se hai dei consigli da darmi! :D
    Un abbraccio, e grazie mille per questa bella torta... che rifarò senz'altro, senza coloranti!!!

    http://ilsorrisovienmangiando.blogspot.it/2013/02/a-carnevale-ogni-scherzo-vale.html

    RispondiElimina
  63. ecco qua la mia Red Velvet Stefania. Vero che mi perdoni anche se non è un capolavoro?! http://acquavivascorre.blogspot.it/2013/02/red-velevt-cake-storie-americane-rane.html

    RispondiElimina
  64. Fatta! Fatta! Fatta! Non ti nascondo che all'inizio ho storto un po' la bocca: 'ste americanate mi nauseano...!!! Invece è strepitosamente buona (calorica si e molto) ho ricevuto un milione di complimenti e io te li rigiro! Intanto vado a pubblicarla!

    RispondiElimina
  65. Ecco qui il frutto delle mie fatiche! E ora vado a smaltire un po' di calorie!
    http://paneepomodoro.wordpress.com/2013/02/16/red-velvet-cake-gluten-free-se-non-ci-fosse-stato-lmtchallenge/

    RispondiElimina
  66. http://sexandgiuliaskitchen.blogspot.it/2013/02/red-velvet-valentine-box.html

    Eccola!

    RispondiElimina
  67. Ciao Stefania, grazie mille, userò questa base per mille altre torte!

    http://lasagnapazza.blogspot.it/2013/02/red-velvet-cake-alle-castagne-e.html

    RispondiElimina
  68. Non credevo di farcela, ma alla fine tutto è bene quel che finisce bene: ecco la mia Red velvet cake
    http://lacucinaperprincipianti.blogspot.it/2013/02/red-velvet-cake-con-ricotta-e-cioccolato.html
    A presto

    RispondiElimina
  69. Ciao, scrivo anche a te quello che ho scritto sulla pagine del filo diretto per l'MTC.
    Io ho seguito la ricetta AL GRAMMO per due volte, ma entrambe le volte ho dovuto buttare tutto nella spazzatura, quindi sono piuttosto demoralizzata :o(
    Vorrei proprio partecipare sia per il vincolo del numero di sfide, ma anche per condividere una ricetta utile a molti di un dolce che trovo molto buono e dato che alla base non si possono assolutamente fare modifiche, non so più come muovermi.
    Non è la prima volta che provo dolci senza glutine, ma questa mi viene fuori proprio gommosa ed elastica, quasi non c'è ombra di mollica all'interno.
    Spero tu possa aiutarmi in qualche modo.
    Ti ringrazio.

    RispondiElimina
  70. Sono tornata da poco nel magico mondoblog, peccato mi sarebbe piaciuto partecipare......spettacolare la tua torta.

    RispondiElimina
  71. Ciao, grazie per la risposta sul post del filo diretto.
    Ti ho riscritto lì.

    RispondiElimina
  72. Ciao Stefania,
    operazione compiuta
    torta spettacolare a parte la mia negazione nell'uso dei coloranti tanto che invece che red è diventata pink però buonissima ......... apprezzatissima da tutti

    Red velvet cake ......red o pink?

    Grazie per la splendida ricetta e gli approfondimenti
    Manu

    RispondiElimina
  73. Ciao :o)
    Ti scrivo per dirti che ho provato con il kefir e la tua torta è venuta buonisssssssima!!! I miei si sono leccati i baffi e io non vedo l'ora di postarla.
    PS Grazie per esserti unita ai miei lettori.

    RispondiElimina
  74. Ciao :o)
    Ecco la mia proposta:
    http://ritroviamociincucina.blogspot.it/2013/02/red-velvet-senza-glutine-con-frosting.html

    RispondiElimina
  75. ciao Stefy!
    piano piano, lemme lemme, sono arrivata anche io con "tu gust is megl che uan", ecco le mie due mini red velvet GF: http://www.lascimmiacruda.info/2013/02/20/two-gust-is-megl-che-uan-red-velvet-gluten-free/

    un abbraccione one e buona giornata!

    RispondiElimina
  76. Tu ci vorrai bene lo stesso? Riuscirai mai a perdonarci questo bis?
    Lo sai, vero, che manca ancora qualche giorno alla fine del contest?
    Lo sai che ti vogliamo bene anche noi?
    http://assaggidiviaggio.blogspot.it/2013/02/mtchallenge-di-febbraio-red-velvet-cake.html
    Anna Luisa e Fabio

    RispondiElimina
  77. Mi dispiace che non si all'altezza ma non riesco a farne un'altra, quindi :-(
    http://www.murzillosaporito.com/post/2013/02/20/Questa-Red-Velvet-non-sha-da-fare!.aspx

    RispondiElimina
  78. Eccomi Stefania - meglio tardi che mai!
    http://lavvocatonelfornetto.it/red-velvet-gluten-free-ai-profumi-di-sicilia-e-non-solo/

    RispondiElimina
  79. Per te
    http://noidueincucina.blogspot.it/2013/02/red-velvet-cake-senza-glutine.html

    RispondiElimina
  80. ecco la mia ricetta spero vada bene.
    http://dolcemeringa.blogspot.it/2013/02/red-velvet-gluten-free-ricotta.html

    RispondiElimina
  81. ciao stefi eccone altre due ^__^
    http://www.sosidolcesalato.com/2013/02/red-velvet-in-cup.html

    RispondiElimina
  82. eccomi
    http://www.lagaiaceliaca.blogspot.it/2013/02/di-molte-sperimentazioni-e-di-una-quasi.html

    RispondiElimina
  83. Io ho cercato di fermarla! Ma lo sai com'è con i dolci. E poi ci erano piaciute tanto le altre due e allora, come vuole il proverbio, arriva anche la terza. "La porcata" se l'è tenuta per ultima. La mousse all'arancia non bastava, anche il curd doveva fare, oltre al caramello salato, ovviamente. Sto ancora leccandomi i baffi. Hai presente la scena di Harry ti presento Sally? :-D
    http://assaggidiviaggio.blogspot.it/2013/02/mtchallenge-di-febbraio-red-velvete.html
    Perdonala se puoi :-)

    Fabio (e la pasticciona Anna Luisa, ovviamente)

    RispondiElimina
  84. Stefi, ecco la mia Red Velvet Cake :-)
    http://aleonlykitchen.blogspot.com/2013/02/la-red-velvet-cake-per-lmtchallenge-di.html

    RispondiElimina
  85. io arrivo sempre alla fine, ma stavolta ho rischiato davvero di non farcela. però eccomi qui e sono molto contenta...

    http://pupaccena.blogspot.it/2013/02/red-velvet-mtc-esserci-o-non-esserci.html

    :***
    roberta

    RispondiElimina
  86. ci riprovo anche se in ritardo ecco la mia ricetta...
    http://www.cookingwithmarica.net/red-velvet-cake-gluten-free/
    saluti marica

    RispondiElimina
  87. ...e pensare che già l'ammiravo in tempi "non sospetti" :D
    deliziosa davvero! complimentissimi

    RispondiElimina

Dimmi la tua...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails