mercoledì 5 marzo 2014

Petto d'oca all'aceto balsamico e mostarda di Cremona e la rima con cuoca è...



Se dico oca, si pensa solo ad una donna (ragazza, essere di genere femminile) superficiale, ma anche piuttosto belloccia.
Non essendo mai stata belloccia, ho sempre pensato che, quindi, avrei dovuto sopperire alla mancanza, essendo intelligente e spiritosa, anche se l'unica qualità di cui i maschi sembravano accorgersi era quella che appagava la vista...
Così ho cominciato a leggere, ad interessarmi di pittori e di mostre, in maniera tale da avere sempre una parola da dire sugli argomenti più disparati. 
Insomma una fatica immane, molto di più che truccarsi ogni mattina… Ma con scarsi risultati.
Avendo tre pargoli maschi, ho cercato loro di insegnare ad apprezzare le qualità di certe ragazze, che non si limitasse a colpire gli occhi
È ovvio, che essendo maschi, ed essendo io, loro madre, a dare loro certi insegnamenti, hanno fatto tutto il contrario
Così, da qualche anno, sfilano veline a casa mia… (senza offesa per le veline vere, che possono anche essere delle brave ragazze profonde e con sani valori, ma ovviamente l'immagine che danno è quella di un'oca…)
L'altro giorno a pranzo il pargolo n. 3, ancora troppo piccolo per ribellarsi completamente ai miei insegnamenti, sospirava e si rammaricava perché la "ragazza" da lui prescelta, non ricambiava il suo amore.
Per consolarlo, allora, io cercavo di convincerlo che però lui piaceva ad una sua compagna carina, buona, sensibile e che a lui non piaceva.
Il pargolo n.1, rizza improvvisamente le orecchie e sentenzia:
"Ogni lasciata è persa, se piaci a quella, dalle un bacetto, così fai esperienza!"
Lo guardo disgustata e affermo: "ma no, se una persona non ti piace, non ti ci fidanzi, aspetti che tu piaccia e quella che ti piace…"
E lui, serafico come un quarto di pollo, risponde: "mamma, deve fare esperienza, altrimenti poi, quando trova quella giusta, è incapace".
La cosa che mi disgusta ancora di più è vedere la faccia degli altri due "maschi" di casa, assolutamente accondiscendenti… Inorridisco a guardarli e rimango basita
E il grande continua "anzi, oltre al bacetto, dalle anche una palpatina, la prima volta, magari ti darà uno schiaffo, ma poi, piacerà anche a lei!"
Non ho nemmeno aspettato che gli altri apprezzassero il discorso e li ho tacciati di maschilismo sciovinista e ho intimato loro il silenzio, sebbene abbiano continuato a sghignazzare senza ritegno.
E improvvisamente ho capito perché:
a. a casa mia passano solo veline;
b. ho fatto sicuramente un pessimo lavoro con loro (soprattutto col grande!)
c. voglio una figlia femmina e non sentire questi discorsi!!!

E comunque ho scoperto che cuoca… fa rima con oca! 




Petto d'oca all'aceto balsamico e mostarda di Cremona
Ingredienti per 6 persone
800 g di petto d'oca
una piccola cipolla rossa
uno scalogno  
40 g di olio evo
un cucchiaino di aceto di mele
un cucchiaino di aceto balsamico Petrosino Laudicina (CondiAroma 33)
1/2 bicchiere di vino rosso
3 bacche di ginepro
un anice stellato
5 g di pepe rosa in grani
sale. 


Passate velocemente il petto d'oca sulla fiamma del gas, dalla parte della pelle, per bruciare eventuali piume, lavatelo e tamponatelo con carta da cucina. 
Sbucciate la cipolla e lo scalogno, lavateli, asciugateli e tritateli finemente. 
In una grande padella mettete l'olio e fate riscaldare, quindi rosolatevi la cipolla e lo scalogne un minuto, mescolando. Quindi mettete anche l petto d'oca dalla parte della pelle. 
Aggiungete l'aceto di mele, il vino rosso, le bacche di ginepro e l'anice stellato. Insaporite con un po' di sale. 
Rosolate la carne 2 minuti circa.
Coprite con un coperchio e cuocete a fuoco basso per 10 minuti. 
Voltatelo quindi e proseguite la cottura per altri 5 minuti. 
Scolate il petto e avvolgetelo in un pezzo di carta d'alluminio e lasciatelo riposare almeno 10 minuti. Filtrate il fondo di cottura e rimettetelo nella casseruola. 
Unite l'aceto balsamico e cuocete 2 minuti a fuoco medio, finché il sugo risultarà leggermente ristretto, quindi filtratelo.
Togliete il petto d'oca dalla carta d'alluminio e tagliatelo a fette di circa 1/2 cm con un coltello molto affilato. 
Sistemate le fette di carne su un piatto da portata, irroratele con il fondo di cottura e pepate. 
Servite subito, completando con mostarda di frutta.



Suggerimenti:
- pesate prima il petto d'oca e non fate come me Anche se in foto non si vede, il petto d'oca era morbido e rosato, ma secondo me era troppo cotto, quindi proporrei qualche minuto in meno se il suo peso è inferiore a 800 g;
- purtroppo non ricordo più da dove ho preso la ricetta
- gli ingredienti sono tutti senza glutine;
- io ho sostituito il burro con l'olio, forse con il burro viene un po' più denso il sughero, ma a noi è piaciuto anche così;
- l'abbinamento con la mostarda di Cremona è la morte sua!


Goose breast with balsamic vinegar and mustard 
Ingredients for 6 people
800 g of goose breast
a small red onion
a shallot
40 g of extra virgin olive oil
a teaspoon of apple cider vinegar
a teaspoon of balsamic vinegar Petrosino Laudicina ( CondiAroma 33)
1/2 cup of red wine
3 juniper berries
a star anise
5 g of pink pepper grains
salt.

Move quickly goose breast over a gas flame, to burn any feathers, wash it and pat it dry with paper towels .
Peel the onion and shallot , wash, dry and chop finely.
In a large skillet , place the oil and let heat , then sauté the onion and shallots one minute, stirring. Put the duck breast skin side down .
Add the apple cider vinegar,  the red wine,  the juniper berries and the star anise . Season with some salt .
Brown the meat about 2 minutes.
Cover with a lid and cook over low heat for 10 minutes.
Turn up side down and continue cooking for another 5 minutes.
Drain the chest and wrap it in a piece of aluminum foil and let rest at least 10 minutes. Strain the cooking liquid and put it back into the saucepan .
Add the balsamic vinegar and cook 2 minutes over medium heat, until the sauce is slightly narrowe , then strain it .
Remove the duck breast from the aluminum foil and cut into slices about 1 /2 inches with a sharp knife and drizzle with the gravy and pepper.

Serve immediately , completing with fruit chutney .

A presto
Stefania Oliveri

8 commenti:

  1. un piatto delicato ma dal gusto corposo..bellissima la presentazione :)

    RispondiElimina
  2. ciao cara
    ma dove lo hai trovato poi!!!
    le foto sono stupende!!
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  3. i miei bimbi sono troppo piccoli per affrontare discorsi di questo tipo, ma credo che romai, tra maschi e femmine, non ci siano più troppe differenze, almeno su questo argomento. le femminucce di oggi, non sono solo oche, ma anche un pò puttanelle. rassegnamoci!

    RispondiElimina
  4. Sai perchè non sei belloccia? Perchè sei un gran bel pezzo di ...donna quindi belloccia sarebbe riduttivo.
    Questo te lo dico proprio con il cuore.
    Foto stupenda, ricetta divina. Cosa vuoi di più oggi?
    Un abbraccioooooo

    RispondiElimina
  5. una ricetta gustosa ;)
    poi il petto d'oca è davvero buono
    buona serata ciao ciao

    RispondiElimina
  6. che bella idea! mi piace molto il tuo blog e mi farebbe piacere se passassi dal mio: http://golosedelizie.blogspot.it/
    ti aspetto ^_^

    RispondiElimina
  7. Ieri il figlio di un'amica mi ha regalato questa perla: "L'amore è cieco, per cui palpeggialo."
    0__o

    RispondiElimina
  8. Ma i tuoi figli potrebbero essere tranquillamente fratelli siamesi del mio! Cmq ho pure due figlie, piccole e delicate eppure certi discorsi si fanno pure a casa mia senza nessun ritegno! Per tutto il resto ..<3

    RispondiElimina

Dimmi la tua...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails