venerdì 2 maggio 2014

Risotto con mousse di melanzana e pomodori di Pachino ed è già venerdì!

La grande novità di questa ricetta sta nella cottura della melanzana, che avviene tramite pentola a pressione.
Devo confessare che la metodologia mi lasciava perplessa (a dir poco).
Ma si sa, la food blogger, in queste occasioni, prende il sopravvento e decide di sperimentare e pazienza se il risultato che ne segue è pessimo. Noi, alla pari dei giornalisti d'assalto (forse mi sto allargando un po'), abbiamo il dovere di informare, di verificare, di sperimentare, costi quel che costi.
I costi, di solito, li paga tutta la famiglia. Intanto sono costretti a mangiare certe robe immangiabili (però, ad onor del vero, il più delle volte i risultati sono più che soddisfacenti e tutti si accapigliano per avere l'ultima porzione…), e, in secondo luogo, devono anche assistere ai miei proclami di bontà, non solo per il palato, ma soprattutto per il corpo, di quel cibo, solo per convincerli a mangiare, anche, una schifezza stratosferica.
Così, quando l'altro giorno ho visto le melanzane non ho resistito e, prima che il mio dolce doppio la trasformasse nella solita melanzana arrostita, ho deciso che l'avrei sacrificata per prima io, in nome della scienza!
Avevo assistito ad uno show cooking con una chef catanese (mi scuso perché non mi ricordo il nome), che cuoceva, nella pentola a pressione, una melanzana in soli 4 minuti. Poi aveva anche cucinato il risotto nella pentola a pressione, e poi ci aveva messo degli altri ingredienti, che però a me non piacevano granché.
Così, quando ho visto quella melanzana, ho subito pensato ai 4 minuti, cioè al risotto e a come si sarebbe sposata bene con l'olio molisano di Venafro e ai pomodori di Pachino. E così, detto fatto!
Ed ecco la mia personale versione del risotto:



Risotto con mousse di melanzane e pomodori tondo liscio di Pachino IGP
Ingredienti per 5 persone:
400 g di riso Carnaroli
1 grossa melanzana nera
1 cipolla bionda
1 scalogno
1 mazzo di basilico
1/2 bicchiere di vino bianco secco
qualche foglia di menta
Olio extravergine d'oliva di Venafro - IS - Molise
8 pomodori tondi lisci di Pachino IGP
brodo vegetale home made

Per prima cosa bisogna preparare la melanzana.
Lavatela, pelatela, ma non del tutto, e poi tagliatela a cubetti. A questo punto dovrebbe essere cotta a vapore dentro la pentola a pressione, ma io non la nuova pentola a pressione, ultra spaziale e così, ho messo pochissima acqua e la melanzana e ho fatto cuocere per 4 minuti. 
Dopo aver fatto sfiatare la pentola a pressione, scolate la melanzana e strizzatela per bene (io l'ho messa in un colino e con un cucchiaio ho cercato di far uscire tutta l'acqua).
A questo punto frullatela con un minipimer aggiungendo uno scalogno, l'olio, il basilico e il sale. 
Aggiungete anche le foglie di menta spezzate con le mani.
Nel frattempo preparate il risotto alla maniera classica. Io uso l'olio al posto del burro per soffriggere la cipolla tritata, quindi mettetela da parte (come ci ha insegnato Igles Corelli) e fate tostare il riso. Aggiungete il vino e fate evaporare. Aggiungete il brodo a poco a poco e mescolate di tanto in tanto. 
A cottura ultimata, aggiungete la mousse di melanzana, un filo d'olio e i pomodori tagliati a cubetti e conditi con un po' d'olio e del sale.
Se volete potete aggiungere anche del parmigiano, quando mantecate, ma non è più un piatto vegano.

Questa ricetta fa parte di una raccolta di ricette bimensile, dedicate al nostro buon olio d'oliva italiano promossa dall'Associazione Città dell'Olio.



Insieme a me ci sono anche
Patty con le Pappardelle con ragù di primavera e bottarga di muggine;
Sabina con il Pane carasau home-made con tartare di avocado, uovo di quaglia poche e germogli di ravanello e
Teresa con gli Spaghetti al pomodoro.

E siccome oggi è pure venerdì, partecipo al 100% Gluten Free (Fri)Day



Mi raccomando, non mancate!

E infine, visto il metodo di cottura, la invio alla raccolta Happy CaLOWries




Risotto with eggplant mousse and tomatoes of Pachino
Ingredients for 5 people :
400 g Carnaroli rice
1 large black eggplant
1 onion
1 shallot
some basil
1/2 cup of dry white wine
a few leaves of mint
Extra virgin olive oil 
8 smooth round tomatoes of Pachino
home made vegetable broth

First you must prepare the eggplant .
Wash it , peel and then cut into cubes. Steam in a pressure cooker and cook for 4 minutes.
Drain the eggplant and squeeze it very well.
Whisk it with a blender adding a shallot, olive oil, basil and salt.
At the end add the mint leaves.
Meanwhile, prepare the risotto in the traditional way . I use oil instead of butter to fry the chopped onion, then put it aside and toast the rice. Add the wine and let it evaporate. Add the broth gradually and stir occasionally .
When cooked , add the eggplant mousse , a little olive oil and diced tomatoes, seasoned with some oil and salt.

A presto
Stefania Oliveri

15 commenti:

  1. interessante!mai pensato di far cuocere la melanzana nella pentola a pressione!Nella vita bisogna sperimentare!

    RispondiElimina
  2. Posso dirlo? Non odiatemi ma io la pentola a pressione la odio con tutta me stessa (sarà perché mia madre la usava anche per scaldare il latte un altro po'?) e non la uso, o se la uso la uso poco, giusto per fare il brodo quando ho fretta. Però visto così sto risotto convince, quindi mai dire mai... la foodblogger è vero, spesso prende il sopravvento.

    RispondiElimina
  3. Le melanzane sono uno dei miei ortaggi preferiti, soprattutto -semplicemente- grigliate.
    Non so se hai già provato-ma immagino di si- a cucinarla bucherellata nel microonde.
    Diciamo che a me le cotture al microonde non fanno impazzire, o forse perché semplicemente non le capisco, comunque vengono perfettamente lessate (io le uso per fare gli gnocchi di melanzane).
    Bella la ricetta, non amando molto il riso potrei provarla, magari inizierò finalmente ad apprezzarlo!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  4. ma tu ne sai sempre una più del diavolo, mia cara!
    il risotto nella pentola e pressione lo conoscevo, ma la melanzana no.
    peccato che io abbia il terrore della pentola e pressione, quindi non la uso mai :-(

    RispondiElimina
  5. Anch'io ho sempre la grande curiosità di fare cose nuove con il rischio che qualcosa non vada proprio nel verso giusto! Però in genere i risultati sono sempre molto graditi da tutti. Molto interessante questo sistema di cottura della melanzana: una buona occasione per tornare ad utilizzare la pentola a pressione che sfrutto pochissimo. Baci

    RispondiElimina
  6. Bravissima come sempre! Tra l'altro con un bellissimo senso dell'immagine, della luce e della fotografia!
    :)

    RispondiElimina
  7. e direi che hai fatto bene a sacrificare la melanzana in nome della scienza! ottimo questo risotto!
    un abbraccio e buon we
    giorgia

    RispondiElimina
  8. Ahi proprio ragione: da brava foodblogger hai fatto benissimo a provare e siamo certe che pure la tua famiglia abbia apprezzato eccome!
    Sicuramente un'idea che, dopo la tua prova e consigli, vedremo certamente di sperimentare anche noi allora :)
    Grazie mille, un bacione

    RispondiElimina
  9. una ricetta davvero gustosa ;)
    Molto bella questa iniziativa dell'olio d'oliva
    buona serata a presto

    RispondiElimina
  10. Guarda io la pentola a pressione riesco ad usarla (bene) solo per il bollito e lo spezzatino, per il resto non riesco a calibrare, come si deve fare, i minuti precisi di cottura. Inoltre, le carni secondo me diventano disidratate, il pesce si "smolla"! non riesco proprio ho tirato fuori certe schifezze...manco le patate lesse le cuocio come-si-deve, indi per cui la mia costosissima pentola prende polvere. Ergo: per me tu sei un genio (e non solo per questo) io avrei cucinato un risotto simil colla per la tappezzeria, ne sono sicura!

    RispondiElimina
  11. Manco di pentola a pressione purtroppo! Peccato, perché le idee che velocizzano in cucina in modo sano e genuino mi piacciono molto. Vuol dire che proverò la ricetta cuocendo la melanzana al vapore.
    Baci.

    RispondiElimina
  12. Interessantissimo tipo di cottura! Bravisima
    Un bacio
    Vera

    RispondiElimina
  13. Wow, un risotto una scoperta! Ma poi la famiglia come ha commentato l'esperimento scientifico? :D

    RispondiElimina
  14. Cara Stefania con questo risotto hai creato un mostro!! In certi periodi con pentola a pressione ho una vera e propria liaison amorosa...quindi...non mi resta che provare! Favolosa l'iniziativa dell'olio d'oliva. Complimenti. A presto. Federica

    RispondiElimina
  15. La cottura in pentola a pressione del risotto la conosco e l'ho anche provata anni fa con risultati nel mio caso scadenti. Usare tutto sto ambaradan x una melanzana mi farebbe deprimere e quindi cuocio la melanzana in microonde con un goccio di acqua e ci impiego lo stesso tempo...ma il risotto pare squisito, quindi ne e' valsa la pena!

    RispondiElimina

Dimmi la tua...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails